La Beccùta

Un dolce antico. Un dolce contadino. Un dolce povero. Un dolce del riciclo. Il mio dolce preferito.
La Beccùta rappresenta, nella mia memoria, calore familiare, unione, continuità, sicurezza. E’ qualcosa di fortemente radicato all’identità dei luoghi in cui sono nata e cresciuta, sconosciuta già a una manciata di chilometri di distanza dalla campagna di Santa Maria Nuova. E, nell’epoca della globalizzazione selvaggia, questo le conferisce un valore inestimabile. La Beccùta come poesia, come inno alla conservazione delle peculiarità e delle unicità.

beccuta
Ingredienti (per una comune placca da forno quadrata):
1,5 kg di polenta avanzata non condita
300 g di farina di frumento (io uso la tipo 2)
200 g di uvetta
100 g di zucchero di canna integrale tipo Dulcita (più una manciata per la guarnizione)
2-3 mele
4 cucchiai di olio evo (mi contengo: ce ne andrebbe di più!)

Procedimento:

unire alla polenta la farina e lo zucchero e impastare con un cucchiaio di legno; aggiungere l’uvetta precedentemente ammollata e ben strizzata, le mele sbucciate e tagliate a tocchetti, l’olio. Mescolare bene fino ad ottenere un composto umido e appiccicoso senza grumi di farina. Oliare la placca da forno o rivestirla di carta forno (che comunque va unta d’olio, perché mele ed uvetta tendono ad attaccarsi al fondo) e versarvi l’impasto. Stendere con le mani, con l’aiuto di un cucchiaio (la Beccùta dovrebbe essere spessa circa un dito) e cospargere la superficie di zucchero. Infornare a 200 ° (forno preriscaldato) per almeno 45 minuti, ma potrebbe volerci anche un’oretta. Decidete voi quanta crosticina vi piace! 😉 Gustate con gratitudine verso ricchezza del Tempo Passato. Shanti.

Share Button

22 pensieri su “La Beccùta

  1. Shanti…perchè non partecipi con questa ricetta al 1° Concorso di Cucina Veg?? Il tema è proprio questo…le ricette della tradizione veganizzate senza stravolgere completamente il gusto originale! Sembra davvero buonissima!! Dai! Se mi scrivi una mail ti invio tutto il necessario per partecipare! Così magari riusciamo anche a conoscerci! Loana

    • Sono presa da mille cose in questo periodo…la tua inziativa mi è passata di mente, perdonami!
      Ma visto che sei stata così gentile da ricordarmelo con l’apprezzamento alla mia amata Beccuta (che tra l’altro è vegana di natura!), non posso non accogliere il tuo invito! Ti scrivo appena ho un attimo! Baci

  2. Ora mi accingo a farla, ho giusto giusto avanzato la polenta e mi sono ricordata di questa ricetta fantastica!

  3. Wow!
    Qui in trentino usiamo fare qualcosa di simile con il pane vecchio, si chiama la Becca. Questa versione polentosa mi ispira un sacco ed avrei giusto in frigo un pezzetto di polenta che mi hanno portato dalla montagna, di quella cotta lentamente sulla “fornasela” (il fornello a legna). Voi la polenta la usate piuttosto molla? Perchè la nostra è bella consistente quindi magari dovrei ammorbidirla con poco latte vegetale.
    Ma.. con questa delizia non ti andrebbe di partecipare al mio contest sulle colazioni?

    • Ciao! Sì, qui da noi la polenta si fa morbida, da mangiare sulla tavola…ottima idea ammorbidirla con del latte vegetale. Se la farai, poi dimmi com’è venuta questa tua variante! 🙂
      Parteciperei volentieri al tuo contest, ma la ricetta è vecchia, dell’anno scorso… 🙁

      • Ieri sera, tornato da allenamento il moroso si è divorato l’ultimo pezzo di polenta.. farò pressione sui parenti in modo che me ne portino ancora 😉
        Non avevo visto che era dell’anno scorso, me l’ero persa! Ma ora vado a leggere il post sulle merendine che mi interessa molto!!

  4. Abitiamo a 30 km ed io mai sentita nominare ! Appena arriva la farina nuova subito polenta !

  5. Moolto interessante questa idea di recupero! Mia mamma ne fa sempre a quintalate e gli avanzi se li mangia per giorni semplicemente grigliati con olio sale e pepe e un po’ di parmigiano (almeno fino all’anno scorso), le piace da matti..io sinceramente in questo modo passo:D
    Vediamo se con questa riesco a convincerla a mollare il suo piatto di riciclo da ospedale!XD
    Bacioni Valentina!:)

  6. Che belle ricette <3
    Io ed il mio bimbo vorremmo provare a fare la tua torta, va gustata fredda o calda? Grazie!

    • Ciao Liolina, benventuta!
      La beccuta è deliziosa anche fredda, anzi, io la preferisco così. 😉
      Baci e a presto.
      Fammi sapere se vi è piaciuta 😉

I commenti sono chiusi.