Venerdì del libro: cosa leggiamo aspettando il Natale

In più di un’occasione ho scritto di come grazie ai miei bimbi io abbia recuperato quello spirito natalizio, fatto di magia e attesa e unione, che avevo perso negli anni dell’adolescenza fino a prima di diventare mamma.
Non siamo credenti, per noi il Natale non è la celebrazione della nascita di Cristo, eppure conservo nel mio cuore l’emozione che provavo da bambina nel sentire i canti natalizi del coro della chiesa, continuo ad esse affascinata dai presepi e dal mistero della natività, proprio come 30 anni fa.
Dal 2010 sono tornata a credere a Babbo Natale, alle sue renne volanti e agli elfi aiutanti ed ogni anno la trepidazione, aspettando il suo arrivo, aumenta.
Per questo sentimento puro e leggero che mi riporta dritta a quando ero piccina picciò, devo ringraziare Attilio, Elena e Stella, che mi ricordano ogni giorno quanto sia vitale sognare e meravigliarsi e scovare briciole d’incanto in ogni dove.
La lettura è uno dei modi in cui stiamo vivendo a pieno questo periodo di attesa e transizione, e vorrei condividere con voi i libri che ci stanno accompagnando al fatidico giorno.

libri di natale

Continua a leggere

Share Button

Venerdì del libro: “La fine è il mio inizio”

Qualche settimana fa, dopo aver visto l’omonimo film ed essermi commossa molto, oltre che riempita gli occhi con la  bellezza dei paesaggi dell’Orsigna, mi sono regalata “La fine è il mio inizio”.
Un libro che non ha bisogno di presentazioni, che già nel titolo racchiude l’essenza e lo spirito delle sue pagine,  e il cui sottotitolo (Un padre racconta al figlio il grande viaggio della vita) dice tutto.

venerdì del libro- la fine è il mio inizio, terzani

E’ uno di quei libri che appena arrivi all’ultima pagina ti lascia piena di nostalgia per tutto ciò che hai letto e provato. Uno di quei libri che già a pagina 15 inizi a piangere, perché è autentico e arriva dritto  al “non detto” celato in ognuno di noi, portandolo a galla.

Siamo sostenuti da qualcosa che non sono le bischerate a cui teniamo.Chi regge tutta questa roba? Chi la tiene assieme?  Basta che cambi di qualche grado la temperatura e si sciolgono i ghiacciai e finisce tutto.Ma per ora tutto tiene. Chi fa cantare gli uccellini? C’è questo essere cosmico e se per un attimo hai la folgorazione di appartenergli, dopo non hai più bisogno di altro. E’ da lì che cominciamo.
Continua a leggere

Share Button

Il libro di cucina: “Come fare…ALIMENTAZIONE NATURALE”

Da mesi ho in mente questo post, e finalmente riesco ad approfittare del Giovedì del Libro di cucina di Passato tra le mani per mettere in pratica il mio proposito.
Il consiglio veg libresco che vi propongo oggi è una piccola perla, ennesimo frutto delizioso del lavoro di Grazia Cacciola, a molti nota come Erbaviola.
Autrice, naturopata, esperta di stili di vita sostenibili, autoproduzione e decrescita (non solo a parole, ma anche e soprattutto con fatti di vita vissuta nel bosco a coltivare l’orto e far legna per il fuoco), divulgatrice dell’etica e della cultura vegana da anni, Grazia è una donna dalle mille risorse, dall’instancabile curiosità e dall’indomabile creatività.

come fare alimentazione naturale Continua a leggere

Share Button

Da libro a libro

Vorrei leggere milioni di libri. Ne ho tantissimi segnati nella mia lista desideri e altrettanti in attesa sul comodino. Negli ultimi anni ho accantonato un po’ i romanzi, dedicandomi più ai saggi e ai manuali di argomenti specifici (alimentazione, maternage, pedagogia…) ed è sbocciata una grande passione per i libri illustrati per bambini, che siano divertenti, po-etici, educativi e brillanti.

Con questo post non proporrò nessun consiglio di lettura, ma voglio accogliere l’invito della carissima Serena del blog Enjoy Life, rispondendo alle sue dieci curiosità (d’istinto, senza troppo pensare), anche per raccontarmi da una prospettiva insolita. In fondo vi lascerò poi le mie dieci curiosità alle quali, se vorrete, potrete rispondere sia nei commenti che nel vostro blog (se ne avete uno).

Rick Beerhorst

opera di Rick Beerhorst

1) Il libro che stai leggendo o che hai appena finito di leggere
Sono arenata con “Tecniche di seduzione” di De Carlo, che avevo letto anni fa, ma che ho ripreso per totale black out sulla trama (succede anche a me di fare cilecca con la memoria letteraria!).  Trovare dieci minuti senza interruzione da parte delle tre canaglie è dura, ma posso farcela!! Ho anche il libro di Grazia Cacciola “Come fare…Alimentazione Naturale” sul comodino, che sto leggendo senza un ordine preciso, a seconda dell’argomento che mi più mi interessa.

2) Il libro più brutto che tu abbia mai letto
Forse sarò impopolare, ma a me non è proprio piaciuto “Lettera a mio figlio sulla felicità” di Sergio Bambarén. L’ho trovato banale e poco spontaneo… Ma forse era il momento sbagliato e dovrei riconsiderarlo e rivalutarlo.

3) Meglio una stanza biblioteca dove tenere i libri tutti insieme o libri sparsi per tutta la casa?
In salotto abbiamo una bella libreria ed un mobile con un paio di scaffali pieni zeppi di libri, più la libreria dei bimbi. Ma anche in giro per casa abbiamo libri sparsi qua e là: camera, cameretta, cucina…e persino in bagno!! 😛

4) Hai mai pensato di scrivere un libro? Che titolo avrebbe?
Sì, soprattutto da quando è nato il blog! Mi piacerebbe scrivere una sorta di libro autobiografico in cui raccontare come sia possibile intraprendere un percorso di pace nella quotidianità e negli eventi importanti della vita, come la nascita di un figlio. Ma al titolo non ho mai pensato…

5) Il personaggio di un libro che senti molto affine
La mamma di Ben, de “L’abbraccio” di David Grossman.

6) Qual’è il tuo autore preferito?
Daniel Pennac, Haruki Murakami, Andrea De Carlo.

7) Preferisci acquistare libri in una libreria reale oppure in una libreria online?
Cosa pensi dello scambio di libri, anche attraverso Facebook o appositi siti tipo Bookmooch?
Per i libri dei bimbi preferisco recarmi  nella nostra libreria (indipendente) di fiducia e lasciare che siano loro a scegliere, dopo aver toccato, sfogliato, osservato e ennusato i libri. 🙂  Per i romanzi, io e io marito ci rivolgiamo a bancarelle e mercatini dell’usato o al baratto. Per i libri di cucina, i manuali e i saggi, mi affido agli shop on line come Macrolibrarsi.
Sono molto favorevole allo scambio di libri e lo pratico spesso e volentieri!

9) I 10 libri che tutti dovrebbero leggere almeno una volta nella vita
Delitto e castigo, Dostoevskji
Q, Luther Blissett
1984, Orwell
La profezia della curandera, Hernàn
L’ultimo giro di giostra, Terzani
Il barone rampante, Calvino
Cibo per la pace, Tuttle
Per una nascita senza violenza, Leboyer
Camminare, Thoreau
Due di due, De Carlo

10) Dopo aver visto un film tratto da un libro, ti è mai capitato che un personaggio fosse proprio come lo avevi immaginato leggendo il libro?
Sì! Il protagonista di “The Snapper” era proprio come lo immaginavo dopo la lettura di “Bella famiglia!” di Roddy Doyle, anche se, per motivi di copyright, il nome dei due è diverso (signor Curley nell’uno e signor Rabbitte nell’altro).

Vi lascio ora le mie dieci domande a tema libresco:
1) Qual’è l’ultimo libro che avete regalato e a chi?
2) Leggete mai a voce alta per qualcuno? Qualcuno legge mai a voce alta per voi?
3) Qual’è il vostro genere preferito?
4) Vi piace prendere i libri in prestito dalla biblioteca?
5) In base a cosa scegliete i libri da leggere?
6) Con quale criterio sistemate i libri sulla vostra libreria (ordine alfabetico, autore, editore, colore, dimensione…)?
7) Quale libro vi piacerebbe che vi regalassero?
8) Quale libro della letteratura per l’infanzia consigliereste di leggere ad un adulto?
9) Di quale personaggio vi piacerebbe poter leggere la biografia o un’autobiografia?
10) Qual’è il libro di poesie o la poesia che più vi sta a cuore?

A presto!!!

Share Button

Venerdì del libro. “Il fantastico viaggio del Signor Acqua”

Negli ultimi mesi ho accumulato una serie interminabile di libri per bambini che vorrei annotare qui sul blog. I nostri acquisti in libreria si sono diradati parecchio, ma nei frequenti giri in biblioteca troviamo il nostro riscatto. 😉 Elena ed Attilio amano sempre più l’appuntamento settimanale col prestito librario e, se per qualche ragione io me ne dimentico, sono loro a ricordarmi che è ora di andare in biblioteca per scegliere qualche nuovo libro e per vedere se altri bimbi ne abbiano consegnati alcuni che loro non hanno ancora scovato fra gli scaffali. Fino all’autunno scorso il nostro giorno fisso era il sabato mattina; poi in ottobre Attilio ha iniziato un corso di batteria che si svolge giusto nel locale sottostante la biblioteca, così approfitto del mercoledì pomeriggio per portare lui e sua sorella a scegliere il libro settimanale (i libri, dato che ne portano a casa almeno tre a testa, ogni volta!). E’ un piacevole rito che abbiamo stabilito insieme e nel quale stiamo coinvolgendo anche i nonni. I bimbi si sentono perfettamente a proprio agio e sono molto autonomi nello scegliere e riconsegnare il libro di turno: il prestito librario è senz’altro un’occasione di crescita per loro, un modo per responsabilizzarsi e sentirsi liberi di scegliere, un motivo di soddisfazione ed apprendimento.
Ma veniamo al libro che voglio proporvi oggi.

il fantastico viaggio del signor acqua

“Il fantastico viaggio del Signor Acqua” è il primo di 14 titoli, tutti editi nella serie Arcobaleno de Il Battello a Vapore – PIEMME, dedicati alla scoperta del mondo, dei fenomeni naturali, del corpo umano, scritti ed illustrati da Agostino Traini. Non ne conoscevo l’esistenza finché Elena non è stata catturata dalla coloratissima copertina e dalle illustrazioni all’interno, e me lo ha presentato tutta entusiasta chiedendomi di leggerglielo. Me ne sono subito innamorata anch’io! Il protagonista, il Signor Acqua, viaggia attraverso i paesaggi e le stagioni, rispondendo in modo semplice, chiaro e coinvolgente ai più comuni perché riguardo il ciclo dell’acqua. Le pagine sono un’esplosione di colore ed allegria ed alla fine della storia si trovano tanti spunti per attività ed esperimenti molto interessanti.
L’età consigliata in copertina è dai 3 anni.

il fantastico viaggio del signor acqua

Con questo post partecipo al Venerdì del libro.

Leggere per e con i nostri bambini ci rende adulti migliori: più sensibili, più attenti, più disponibili. Basta poco. Ancora una volta, vale la pena rallentare, fermarsi, concedersi alcuni minuti per stare abbracciati e regalarsi uno spazio quieto in cui poter condividere sogni e fantasie. Buona lettura! Buona lentezza!

Share Button